Progetti

Campus mette a disposizione le proprie competenze per favorire lo sviluppo di progetti e azioni intersettoriali, che, coinvolgendo soggetti pubblici e privati, mirino al conseguimento di un comune obiettivo di sviluppo del territorio e della comunità, favorendo un approccio progettuale unitario e coerente e la stimolazione delle potenzialità latenti.

Elementi caratterizzanti le azioni in questo campo sono:
  • lo studio del fabbisogno; la definizione dell’idea-forza, della strategia di progetto e degli obiettivi;
  • l’identificazione dell’ambito territoriale o tematico di riferimento;
  • l’individuazione del soggetto responsabile del progetto;
  • l’identificazione delle procedure di gestione e monitoraggio.
A titolo di esemplificazione il 26 novembre 2009 è stato conferito a Campus il Premio Amico della Famiglia 2008, menzione speciale, per il progetto:
Più belli che bulli dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le politiche della famiglia.

Il progetto ha previsto la realizzazione di un Centro per il successo formativo e per il disagio giovanile in grado di intercettare studenti in uscita dalla scuola secondaria di primo grado nel momento di passaggio alla scuola superiore o al mondo della formazione professionale. Si è creato un punto di aggregazione per i giovani dalla forte valenza educativa e all’interno del quale gli stessi avessero la possibilità di sperimentare un approccio positivo alla realtà attraverso l’apprendimento di un lavoro; la partecipazione a percorsi formativi; e la valorizzazione del tempo libero.

Obiettivi:
  • favorire l’inserimento dei ragazzi all’interno di un contesto scolastico;
  • favorire lo sviluppo di capacità relazionali e comunicative;
  • educare ad un rapporto costruttivo con la realtà esterna;
  • motivare all’apprendimento;
  • fornire un sostegno che porti ad uno sviluppo attivo ed autonomo dei ragazzi coinvolti.
Tali obbiettivi sono stati perseguiti attraverso:
  • sportelli informativi ed orientativi;
  • percorsi di formazione professionale e di supporto scolastico;
  • attività culturali (grazie alla realizzazione di uno spazio auditorium, biblioteca ed emeroteca); attività ludico-creative (attività sportive…);
  • attività musicali, teatrali e cinematografiche;
  • supporto all’inserimento lavorativo.